Si è svolta il 16 marzo a Roma, presso il Salone d’Onore della caserma “Sante Laria”, alla presenza del Ministro dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, del Comandante Generale della Guardia di Finanza, Gen. C.A. Giorgio Toschi e di molte Autorità istituzionali, la presentazione del “Rapporto Annuale 2016”, delle attività svolte dalla Guardia di Finanza nel corso dello scorso anno e con l’illustrazione delle progettualità per il 2017. Attività che spaziano dalla prevenzione e repressione dei fenomeni evasivi al contrasto patrimoniale alla criminalità economica e organizzata, dalla lotta agli sprechi di risorse pubbliche all’antiriciclaggio, dalla lotta ai traffici illeciti al concorso nella salvaguardia della vita umana.

Per quanto riguarda i risultati del 2016, il Rapporto, diviso in capitoli, evidenzia, tra l’altro:

LOTTA ALLE FRODI FISCALI, ALL’ECONOMIA SOMMERSA E AL GIOCO ILLEGALE

Contro l’evasione e le frodi fiscali, anche di tipo organizzato, sono state concluse 14.115 indagini di polizia giudiziaria, cui si aggiungono 94.016 interventi fra verifiche e controlli

fiscali a tutela del complesso degli interessi erariali comunitari, nazionali e locali.

Oltre 525.000 interventi condotti nell’ambito del controllo economico del territorio. Tra questi, si segnalano, in particolare, quelli svolti in materia di controlli strumentali (379.883), trasporto merci su strada (112.123, di cui 26.088 nel settore della circolazione dei prodotti sottoposti ad accise) nonché in materia di indici di capacità contributiva (14.788).

Scoperte 5.125 violazioni nel campo delle imposte sulla produzione e sui consumi, con la denuncia di 1.319 soggetti responsabili di reati in materia di prodotti energetici, di cui 115 tratti in arresto.

1.090 gli interventi eseguiti presso gli impianti di distribuzione stradale di carburanti, con 271 casi di irregolarità.

Nell’azione di contrasto agli illeciti doganali, sono stati eseguiti 32.204 interventi che hanno permesso di riscontrare 8.289 violazioni e di segnalare all’Autorità Giudiziaria 4.869 soggetti.

CONTRASTO ALLE TRUFFE SUI FONDI PUBBLICI E ALL’ILLEGALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Scoperti casi di illegittima percezione o richiesta di finanziamenti pubblici, comunitari e nazionali, per oltre 775 milioni di euro, con la denuncia all’Autorità Giudiziaria di 3.066 soggetti, di cui 53 arrestati.

Individuate truffe nel settore previdenziale e al Sistema Sanitario Nazionale per circa 158 milioni di euro, con la denuncia all’Autorità Giudiziaria di 8.926 soggetti, 87 dei quali tratti in arresto.

Nell’ambito di 2.058 accertamenti svolti su delega della Corte dei Conti, segnalati sprechi o irregolari gestioni di fondi pubblici che hanno cagionato danni patrimoniali allo Stato per più di 5,3 miliardi di euro e segnalati alla magistratura contabile 8.067 soggetti per connesse ipotesi di responsabilità erariale.

Individuati appalti pubblici irregolari per 3,4 miliardi di euro, con la denuncia di 1.866 soggetti di cui 140 tratti in arresto.

CONTRASTO AI TRAFFICI ILLECITI

Sequestrate oltre 37,9 tonnellate di droga a carico di 6.678 soggetti denunciati, di cui 1.963 arrestati.

Effettuati 10.284 interventi contro le frodi doganali ed il traffico di contrabbando e sequestrate più di 243 tonnellate di tabacchi lavorati esteri e 719 mezzi terresti e navali utilizzati per il trasporto e l'occultamento della merce, con la denuncia di 4.869 persone, di cui 318 arrestate.

Eseguiti 13.220 interventi e denunciate all’Autorità Giudiziaria 9.765 persone, di cui 120 arrestate, per reati in tema di contraffazione.

Sequestrati più di 180 milioni di prodotti illegali, perché contraffatti, piratati, pericolosi o recanti falsa o fallace indicazione di origine o provenienza, per un valore stimato di oltre 2,4 miliardi di euro.

Tolti dal mercato 215 tonnellate e 335.000 litri di generi agroalimentari contraffatti o prodotti in violazione della normativa sul made in Italy.

Sequestrati od oscurati 620 siti internet utilizzati per lo smercio di articoli contraffatti od opere audio-video illecitamente riprodotte.

Scarica il Rapporto

Attivita GdF Rapporto annuale 2016 (16 marzo 2017)

 



SEGUICI SU TELEGRAM

icon-telegram.png

Nomos Centro Studi Parlamentari è una delle principali realtà italiane nel settore delle Relazioni IstituzionaliPublic Affairs, Lobbying e Monitoraggio Legislativo e Parlamentare 

Se vuoi conoscere in tempo reale tutto il monitoraggio parlamentare senza perderti nessun nostro aggiornamento seguici sul nostro canale Telegram