È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 22 giugno 2022 il decreto 23 maggio 2022, n. 77, del Ministero della Salute concernente il “Regolamento recante la definizione di modelli e standard per lo sviluppo dell'assistenza territoriale nel Servizio sanitario nazionale", c.d. DM 71 (link e Regolamento).

Il Regolamento entrerà in vigore il prossimo 7 luglio 2022. 

Un iter travagliato

Il DM 71 ha avuto in questi mesi un iter particolarmente travagliato. Ancillare e punto centrale per lo sviluppo della Missione 6 – Salute del PNRR (M6C1 – Riforma 1), è stato in questi mesi oggetto di confronto tra il potere centrale governativo e il livello territoriale rappresentato dalle Regioni. 

La diatriba tra la Regione Campania e il Governo sugli stanziamenti per il personale sanitario nei mesi di marzo e aprile ha fatto sì che il Governo adottasse lo scorso 21 aprile in sede di Consiglio dei Ministri una delibera per consentire al Ministero della Salute di superare lo stallo in Conferenza Stato-Regioni e emanare direttamente il decreto senza l’avallo del livello territoriale, pena il non raggiungimento della milestone richiesto dal PNRR entro il 30 giugno 2022 e quindi dei relativi ingenti fondi a supporto. 

Successivamente, i via libera del Consiglio di Stato (link), seppur non esente da varie critiche osservazioni, e della Corte dei Conti hanno definitivamente concluso il processo di valutazione e approvazione del decreto.   

Finalità

Il decreto ministeriale individua gli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi delle strutture dedicate all'assistenza territoriale e al sistema di prevenzione in ambito sanitario, ambientale e climatico. 

Attuazione per le Regioni

Come indicato dall’articolo 1 del decreto, le Regioni e le province autonome provvedono entro sei mesi dalla data di entrata in vigore del Regolamento ad adottare il provvedimento generale di programmazione dell’assistenza territoriale seguendo le linee guida del DM 71. 

Monitoraggio

Il monitoraggio sull’implementazione degli standard della nuova assistenza territoriale, come definito dall’articolo 2, verrà effettuato semestralmente da Agenas, anche tramite l’invio di una relazione sullo stato di implementazione della riforma in ogni singola regione e provincia autonoma. 

In questo documento Nomos Centro Studi Parlamentari intende fornire un approfondimento sulle principali misure inserite nel decreto.

Scarica lo speciale

Speciale DM 71 - La riforma dell'assistenza territoriale - 23 giugno 2022