Al Senato

Nella giornata di oggi l’Assemblea e le Commissioni del Senato non terranno sedute. 

Approvata la proposta di legge sul Whistleblowing

Nel corso della settimana, l’Aula di palazzo Madama ha approvato con 142 voti a favore, 61 contrari e 32 astenuti il ddl in materia di segnalazioni di reati o irregolarità nel lavoro pubblico o privato, il cosiddetto Whistleblowing. Il provvedimento, che ora ritorna all'esame della Camera, prevede che il pubblico dipendente che segnala al responsabile della prevenzione della corruzione ovvero all’Autorità nazionale anticorruzione (Anac), o denuncia all’autorità giudiziaria condotte illecite, di cui è venuto a conoscenza in ragione del proprio rapporto di lavoro, non può essere sanzionato, demansionato, licenziato, trasferito o sottoposto ad altra misura organizzativa avente effetti negativi.

Gli atti discriminatori o ritorsivi adottati dal datore di lavoro sono nulli. L'articolo prevede, inoltre, che l’identità del segnalante non possa essere rivelata e che spetti al datore di lavoro dimostrare che le misure discriminatorie sono motivate da ragioni estranee alla segnalazione. Tali norme vengono estese ai lavoratori del settore privato. 

Le comunicazioni di Gentiloni per il prossimo Consiglio UE

Mercoledì il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha svolto le comunicazioni in vista del Consiglio europeo del 19 e 20 ottobre 2017. Nel suo intervento il premier ha ricordato i temi all'ordine del giorno del prossimo Consiglio europeo: futuro dell'Unione, migrazioni, difesa, digitale, Brexit. Camera e Senato hanno approvato le rispettive risoluzioni che impegnano il Governo a proseguire nell'impegno per rafforzare il progetto d'integrazione europea in particolare nella gestione della sicurezza, nelle questioni migratorie, negli investimenti in Africa, a sostenere la candidatura di Milano a sede dell'Agenzia europea per i medicinali (EMA), a proseguire nell'azione volta a una maggiore cooperazione a livello europeo con particolare riguardo al rifinanziamento del Trust Fund UE e agli accordi di partenariato con i Paesi africani e, in tema d'immigrazione, ad attivarsi per un superamento del Regolamento di Dublino.

E anche a proseguire il percorso in favore del progetto di difesa e industria europea e la cooperazione strutturata permanente sulla difesa (PESCO), ad attivarsi, anche in raccordo con altri Paesi membri, affinché si realizzi concretamente una procura antiterrorismo europea e a proseguire l'impegno, per ciò che attiene l'economia digitale.

Alla Camera

Nella giornata di oggi l’Assemblea tornerà a riunirsi a partire dalle 9.30 per la discussione delle interpellanze urgenti, mentre le Commissioni non si riuniranno.

Scontro Pd Governo sulle mozioni Bankitalia

Nel corso della settimana, l’Aula di Montecitorio ha discusso le mozioni sulla nomina del Governatore della Banca d'Italia. Con quella approvata il Governo è stato impegnato, dopo non poche polemiche scatenate alla richiesta esplicita di non confermare Ignazio Visco, ad adottare ogni iniziativa utile a rafforzare l'efficacia delle attività di vigilanza sul sistema bancario ai fini della tutela del risparmio e della promozione di un maggiore clima di fiducia dei cittadini nei confronti del sistema creditizio, a tal fine individuando la figura più idonea a garantire questi fini.

Via libera definitivo alla legge di delegazione europea

La Camera ha approvato in via definitiva la Legge di delegazione europea 2016 (con 235 voti favorevoli, 63 contrari e 46 astenuti) e le risoluzioni sulla relazione consuntiva sulla partecipazione dell'Italia all'UE per l'anno 2016.

Il ddl è lo strumento con il quale il Governo recepisce direttive e regolamenti europei, attraverso la redazione di principi di delega che dovranno essere attuati attraverso decreto legislativi successivi. Nel testo sono contenuti moltissimi temi dalla disciplina del marchio comunitario al tribunale unificato per i brevetti, alle assicurazioni alle caldaie; dal codice di prenotazione dei voli sino alla tutela dei segreti commerciali. Ma ci sono anche l’aumento delle sanzioni e delle pene per il furto dei dati personali e le violazioni della Privacy, i pacchetti turistici e servizi turistici collegati, la distribuzione assicurativa, l'interoperabilità del sistema ferroviario dell'Unione europea e l’ingresso e il soggiorno dei cittadini di paesi terzi per motivi di ricerca, studio, tirocinio, volontariato, programmi di scambio di alunni o progetti educativi, e collocamento alla pari.

Approvata la proposta di legge sulla Cannabis terapeutica

La Camera, con 317 voti favorevoli, 40 contrari e 13 astenuti, ha approvato in prima lettura il testo unificato delle proposte di legge relative alla coltivazione e la somministrazione della cannabis ad uso medico. Il provvedimento, che ora passa all’esame del Senato, prevede che il medico possa prescrivere medicinali di origine vegetale a base di Cannabis per la terapia del dolore. La ricetta (oltre a dose, posologia e modalità di assunzione) dovrà indicare la durata del trattamento, che non potrà superare i tre mesi. I farmaci a base di Cannabis prescritti dal medico per la terapia del dolore e per gli altri impieghi autorizzati dal ministero della Salute saranno a carico del Servizio sanitario nazionale. Se prescritti per altri impieghi restano al di fuori del regime di rimborsabilità. Vale in ogni caso l'aliquota Iva ridotta al 5 per cento.

La coltivazione, preparazione e distribuzione della cannabis alle farmacie sono affidate allo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze. Se necessario il Ministero della salute potrà autorizzare l'importazione e la coltivazione presso altri enti e aziende. A regioni e province autonome spetta il compito di monitorare le prescrizioni, fornendo annualmente all'Istituto superiore di sanità i dati aggregati per patologia, età e sesso dei pazienti sotto terapia, nonché quello di comunicare all'Organismo statale per la cannabis il fabbisogno necessario per l'anno successivo. Infine sono previste campagne di informazione, aggiornamento periodico dei medici e del personale sanitario impegnato nella terapia del dolore e promozione della ricerca sull'uso appropriato dei medicinali a base di cannabis.



Seguici su Whatsapp

icon-whatsapp.png

Nomos Centro Studi Parlamentari è una delle principali realtà italiane nel settore delle Relazioni IstituzionaliPublic Affairs, Lobbying e Monitoraggio Legislativo e Parlamentare 

Vuoi ricevere tutti i nostri aggiornamenti in tempo reale? Seguici sul nostro canale Whatsapp

 

 

 

Prodotti editoriali