payoff_header_new_en.gif

Log in
Facebook Twitter LinkedIn LinkedIn

La giornata Parlamentare del 4 agosto

Nell’ultima settimana prima della chiusura estiva del Parlamento, il dibattito politico si è concentrato principalmente sulla modifica della legge elettorale e sui diversi tentativi per ricreare le coalizioni di Centro Destra e Centro Sinistra in vista delle prossime elezioni politiche. Il dibattito concretamente non ha portato ad alcun passo in avanti e la situazione appare molto delicata soprattutto all’interno del Partito Democratico dove la linea del segretario Matteo Renzi sembra essere messa sempre più in discussione.

Sul fronte parlamentare, dopo oltre due anni e mezzo la legge annuale sulla concorrenza è stata approvata in via definitiva dal Senato. L’Aula di palazzo Madama ha poi approvato la legge di delegazione europea e la relazione consuntiva sulla partecipazione dell'Italia all'UE per l'anno 2016, ma anche il rendiconto finanziario per il 2016 e il bilancio interno per il 2017. La Camera questa settimana ha approvato in via definitiva il decreto mezzogiorno, il conto consuntivo 2016 e il progetto di bilancio per l'anno finanziario 2017 e ha svolto l’informativa urgente del Governo sulla vicenda dell' acquisizione da parte di Fincantieri dei cantieri navali STX Saint-Nazaire. Infine entrambi i rami del Parlamento hanno approvato le rispettive risoluzioni sulla partecipazione dell'Italia alla missione internazionale in supporto alla Guardia Costiera libica.

Oggi al Senato

Nella giornata di oggi l’Assemblea e le Commissioni del Senato non terranno sedute. I lavori sono stati rinviati a dopo la pausa estiva e riprenderanno il 12 settembre. Nel corso della settimana l’Aula di palazzo Madama ha approvato il rendiconto delle entrate e delle spese del Senato per l'anno finanziario 2016 e il Progetto di bilancio interno per l'anno finanziario 2017.

Mercoledì ha discusso e approvato, definitivamente e con voto di fiducia (146 voti favorevoli e 113 contrari), la Legge annuale per il mercato e la concorrenza. Essa contiene misure sui fondi pensione, la telefonia, il settore bancario e finanziario (come il cosiddetto leasing finanziario), sui professionisti come notai, avvocati e odontoiatri, le farmacie, il turismo (con la cosiddetta norma booking), il settore dei trasporti di linea e non di linea, la delega per il settore taxi e la circolazione internazionale di beni culturali.

Nel lungo esame parlamentare sono state inserite anche la modifica delle soglie per la comunicazione sulle concentrazioni all'Antitrust, il sistema nazionale di monitoraggio della logistica e la possibilità di rateizzare le maxi-bollette elettriche o del gas. Uno dei principali capitoli del provvedimento riguarda le assicurazioni e in particolare la Rc Auto: tra le novità figurano gli sconti per gli automobilisti che installano dispositivi come la scatola nera e lo slittamento di tre mesi allo stop del monopolio di Poste italiane per la notifica di multe e atti giudiziari.

Ma vi sono anche disposizioni riguardanti la razionalizzazione della rete di distribuzione dei carburanti, e la produzione di energia da fonti rinnovabili; sono state rafforzate le norme in materia ambientale, in particolare per quanto riguarda l'accesso da parte dei produttori al mercato di gestione autonoma degli imballaggi, per il trattamento dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) e per le semplificazioni procedurali in tema di rifiuti di metalli ferrosi e non ferrosi.

Confermate anche le modifiche introdotte nell’ultimo passaggio alla Camera. Fra queste ci sono quelle sul tacito rinnovo delle assicurazioni per la responsabilità danni, quelle sulle offerte commerciali telefoniche e sui vincoli più restrittivi per le società di odontoiatri; con riferimento al passaggio al mercato libero dell'energia fissato al primo luglio 2019, sono state cancellate le aste per i clienti tutelati che a quella data non avranno ancora scelto un nuovo fornitore e infine quelle sulla bonifica degli impianti di carburanti dismessi.

L'Aula ha poi approvato la Legge di delegazione europea 2016 (153 voti favorevoli, 8 contrari e 56 astenuti) e la Relazione consuntiva sulla partecipazione dell'Italia all'UE per l'anno 2016.

Le Assemblee di Camera e Senato hanno poi discusso e approvato le rispettive risoluzioni di maggioranza sulla deliberazione del Consiglio dei ministri in merito alla partecipazione dell'Italia alla missione internazionale in supporto alla Guardia Costiera libica. Nello specifico il Governo viene impegnato a continuare tutte le azioni di cooperazione, dialogo e diplomazia con i Paesi al confine meridionale della Libia e con i Paesi di provenienza dei flussi migratori, e a garantire che nessuna iniziativa unilaterale non coordinata possa pregiudicare l'efficacia della missione.

Ma anche a determinare conseguenze concrete per quelle organizzazioni non governative che, non sottoscrivendo il codice di condotta, si sono poste fuori dal sistema organizzato di soccorso in mare; ad assumere tutte le misure possibili affinché la gestione dei migranti da parte delle autorità libiche avvenga nel rispetto degli standard di diritto umanitario internazionale e a vigilare affinché sia promossa presso l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite la proposta di riconoscere il traffico illegale dei migranti, insieme alla tratta di esseri umani, quali crimini contro l'umanità .

Alla Camera

Nella giornata di oggi anche l’Assemblea e le Commissioni della Camera non si riuniranno. I lavori sono stati rinviati a dopo la pausa estiva e riprenderanno il 12 settembre. Nell’arco di questa settimana l’Aula di Montecitorio ha approvato definitivamente e con voto di fiducia (318 voti favorevoli e 153 contrari) il decreto per la crescita del Mezzogiorno. Il decreto prevede il rafforzamento degli interventi per il contrasto del fenomeno degli incendi boschivi dolosi, impedendo lo sfruttamento successivo dei terreni incendiati; stanzia nuovi fondi per gli interventi di messa in sicurezza degli edifici scolastici e stabilisce nuove norme per favorire la riduzione dell'utilizzo di borse di plastica, come chiesto dall'Ue. Prevede anche il raddoppio del tempo (da 3 a 6 mesi) che i Comuni avranno a disposizione per effettuare la ricognizione dei terreni e delle aree di cui sono titolari, che possono essere destinate al progetto sulla banca terre abbandonante.

Arrivano i cluster tecnologici nazionali, che saranno utilizzati per l'accelerazione e la qualificazione della programmazione nel campo della ricerca e dell'innovazione a favore delle aree del Mezzogiorno, e si prevedono risorse per contrastare la diffusione del coleottero Xylosandrus compactus, agevolazioni per i giovani imprenditori che decidono di rimanere nelle regioni meridionali e interventi d' integrazione salariale straordinaria nelle aree di crisi industriale complessa.

Inoltre il decreto stabilisce che nelle regioni dove non ci sono aree portuali sarà possibile presentare istanza d'istituzione delle zone economiche speciali solo in forma associativa; inoltre per le zone colpite da eventi sismici , in caso di affidamento dei servizi di trasporto pubblico locale e regionale, nei bandi dovrà essere previsto il trasferimento al subentrante, senza soluzione di continuità, di tutto il personale dipendente non dirigenziale del gestore uscente.

L'Aula della Camera ha approvato il conto consuntivo 2016 e il progetto di bilancio per l'anno finanziario 2017. Sul primo documento i voti favorevoli sono stati 288, i contrari 7, 10 gli astenuti; sul secondo 281 favorevoli e 6 contrari e 19 astenuti.

Infine ha tenuto l’informativa urgente del Ministro dello Sviluppo economico sulla vicenda dell'acquisizione da parte di Fincantieri dei cantieri navali STX Saint-Nazaire. Dopo aver ripercorso nel dettaglio l’evoluzione e la complessità del tentativo di acquisizione, il Ministro Calenda ha ribadito piena fiducia nel fatto che esistano ancora tutte le condizioni per trovare un accordo con Stx per il proseguimento del progetto di Fincantieri e Navalgroup.

L'ottimismo però dovrà fare necessariamente i conti con il fatto che "nazionalismo e protezionismo non sono basi accettabili su cui regolare i rapporti tra due grandi Paesi europei come Italia e Francia”. Il capo del MISE ha poi riferito sull’incontro che ieri pomeriggio si è tenuto al MEF con il ministro dell'economia francese Bruno Le Maire: le posizioni non sono state modificate, con l’Italia che non ha ceduto sulla richiesta di avere la maggioranza del capitale di Stx e la Francia che ha rilanciato paritaria per lacreazione di un gruppo che potrebbe diventare il leader mondiale del settore navale civile e militare.

 

Nomos Centro Studi Parlamentari è una delle principali realtà italiane nel settore delle Relazioni Istituzionali - Public AffairsLobbying e Monitoraggio Parlamentare e Legislativo