payoff_header_new_en.gif

Log in
Facebook Twitter LinkedIn LinkedIn

La sessione di Bilancio 2018

Il primo appuntamento della sessione di Bilancio 2018 corrisponde al 27 settembre, termine ultimo entro cui il Governo deve presentare alle Camere la Nota di aggiornamento al DEF. La Camera e il Senato, dopo averne discusso, approvano con una risoluzione i contenuti della Nota. La sessione entra nel vivo il 15 ottobre, data entro cui il Governo presenta al Parlamento il disegno di Legge di Bilancio e il Documento programmatico di bilancio (DPB). Durante la discussione in Parlamento, il disegno di Legge di Bilancio viene mandato anche alla Commissione Europea, che entro il 30 novembre (il termine non è perentorio) si esprime sui contenuti della proposta del Governo. Qualora il Parlamento non dovesse approvare il ddl entro il 31 dicembre, inizia l’esercizio provvisorio, durante il quale il governo è vincolato, per massimo quattro mesi, a gestire l’ordinaria amministrazione con margini di spesa estremamente ridotti, calibrati in tanti dodicesimi quanti sono i mesi di esercizio provvisorio.

L'Iter della legge di bilancio.png

 

Glossario

Nota di aggiornamento al Def

La Nota di aggiornamento viene presentata alle Camere per aggiornare le previsioni economiche e di finanza pubblica del DEF anche in relazione alle raccomandazioni del Consiglio dell'Unione Europea. La Nota contiene anche i nuovi parametri macroeconomici riferiti a Pil, rapporto deficit/Pil e debito/Pil.

Risoluzione di Camera e Senato

Lo scopo delle risoluzioni approvate da ciascuna Camera è impegnare, politicamente, il Governo a tenere presenti gli orientamenti sul tema delle due Camere.

Legge di Bilancio

 

La Legge di Bilancio autorizza il Governo a prelevare ed utilizzare le risorse pubbliche necessarie per l’esecuzione delle politiche pubbliche e delle attività amministrative dello Stato e rappresenta il principale documento contabile per l’allocazione, la gestione e il monitoraggio delle risorse finanziarie dello Stato. La legge di bilancio si compone di due sezioni: la Sezione I, dedicata alle innovazioni legislative, la Sezione II espone, per l'entrata e per la spesa, le unità di voto parlamentare e riporta le variazioni non determinate da innovazioni normative.

Documento Programmatico di Bilancio (DPB)

Gli Stati membri trasmettono alla Commissione Europea e all'Eurogruppo un progetto di DPB per l’anno successivo, nel quale illustrano all’Europa il proprio progetto di bilancio per l’anno successivo l'obiettivo di saldo di bilancio e le proiezioni delle entrate e delle spese per l’anno successivo.

Parere della Commissione Europea

La Commissione esprime un parere sulla legge di bilancio e sul DPB col fine di verificare l’aderenza agli impegni presi sul fronte dei vincoli di finanza pubblica. La Commissione, negli ultimi due anni si è limitata a dare un primo parere entro fine novembre, per poi dare un giudizio definitivo sulla manovra nella primavera dell'anno successivo.

 

Scarica lo speciale

Nota La sessione di bilancio 2018